Onda di Sangue

Onda di Sangue

Onda di Sangue

News ed eventi che riguardano il libro Onda di Sangue troveranno qui aggiornamenti.

Recensione da Alice Chimera

NewsPosted by ENMA 30 Nov, 2014 02:00

Recensione: Un mix tra classico e novità che sono certa potrà conquistare molti lettori.

Marte è regnato da cinque sovrani scelti grazie a una spietata competizione nella Gabbia che farà emergere solo i più forti e indomiti degni di tale onore. La strada che porta alla scelta dei nuovi sovrani però, non è composta solo da sangue e forza. Sullo sfondo di questi fatti c’è la storia di Dorea, una ragazza dal passato misterioso e che vive di sola vendetta.

Lo stile che accoglie il lettore è da subito ricco: non si ha tra le mani uno di quei volumi che solitamente si leggono in poche ore, storia a parte, la narrazione ha un linguaggio florido che va gustato pian piano per non perdere la sua vera essenza. Spesso mi sono goduta un solo capitolo al giorno, ma lo ho fatto gustando appieno i termini e la struttura narrativa di ognuno di essi, nonostante sia una lettura a mio parere pesantuccia: alcuni termini andrebbero alleggeriti, capisco la scelta dei due autori di riferirsi a un genere fantasy molto classico, ma vista la grande fantasia e le doti dimostrata nel linguaggio spero valutino di staccarsi da un formato esistente per poterne creare uno loro (tutto questo non compromette la lettura ma è una mia osservazione). Ci sono descrizioni molto dettagliate che non lasciano al caso nulla, ogni scena ha un suo contesto chiaro e nonostante le pagine votate a dare una chiara visione di Marte e dei suoi personaggi non mi sono mai trovata a dire “sì bello, ma arriviamo al dunque” (cosa piuttosto rara in libri fantasy con così puntigliosa precisione nel descrivere).

Non voglio darvi spoiler, ma almeno un accenno sulla grande idea di questo libro devo darvelo: la storia può piacere o meno, lo stile risultare pesante o meno, ma il vero colpo di genio è tutto nella struttura del romanzo. Sono letteralmente caduta dalla sedia quando ho iniziato a capire cosa stessero tessendo i due autori, ma come già detto, niente spoiler (dovrete scoprirlo da voi): la storia si svolge su due piani narrativi diversi, quello di Alexander viaggio verso la conquista di una delle cinque corone di Marte e quello di Dorea votata alla sua ricerca di vendetta, ma per riuscire a capire il vero nesso tra i due filoni narrativi non è così semplice. Bisogna leggere con cura tutti i capitoli per raccogliere gli indizi.

Inoltre la storia per quanto possa rimanere aperta, ha un finale ben definito e permette al lettore di avere una parola fine anche se si tratta di un libro che apre una saga, una scelta molto intelligente perché i lettori possono appassionarsi alla storia senza la pretesa di lasciare un finale troppo aperto; a volte abbiamo proprio bisogno di un libro che finisce con una bella morale come questo anche se vorremmo leggere altro.

I personaggi principali sono davvero ben descritti e caratterizzati, a differenza di quelli secondari. A mio parere si sarebbe dovuto dare molto più spazio a Yelena e Giza soprattutto nell’arena. Anche i combattimenti per diventare sovrano sono passati a volte in secondo piano e avrei preferito che ci fosse una maggiore cura in dei fatti che comunque andranno a sconvolgere i personaggi, forse avrei apprezzato vedere gradualmente interagire Yelena, Alexander, Giza e Olbios.

Un piccolo cenno lo meritano la grafica dalla copertina e la cura nel realizzare la mappa e il logo del regno di Marte: frutto dei sue autori riescono a dare forma a ciò che leggiamo senza che si cada nella solita iconografia fantasy, soprattutto il logo di Marte che ha un sapore tutto suo privo di un richiamo un troppo classico e senza cadere nel pacchiano.

In definitiva, è stata una lettura complessa, che come dicevo forse meriterebbe di essere alleggerita perché tutto risulti più assimilabile al lettore medio, ma nulla può togliere a questo volume le quattro stelle. Sebbene sia un volume che richiede molte pagine per entrare sottopelle e raggiungere il cuore dei lettori, quando riesce finalmente nello scopo non si può fare a meno di sperare che duri ancora a lungo, anche se inesorabilmente le pagine terminano. Lo consiglio a tutti coloro che sono fedeli lettori del genere fantasy classico (avrete lo stile carico dei grandi scrittori) e a coloro che cercano una lettura nuova e intrigante (la storia e i luoghi creati sono molto alternativi, nulla di ciò che siamo soliti trovare in libreria).

La trovate qui